Machine Learning e Deep Learning, facciamo un po’ di chiarezza.

Tutti i giorni sentiamo parlare di Intelligenza Artificiale, Machine Learning, Deep Learning, Reti Neurali e molto altro. Ma di cosa si tratta in realtà? Sofisticati algoritmi di apprendimento automatico in grado di elaborare, archiviare e organizzare moli impressionanti di dati.

Immagini, video, sequenze di numeri, e parole. Qualsiasi informazione possa essere digitalizzata diventa potenzialmente un dato da inserire all’interno di un algoritmo di apprendimento automatico. E’ così che gli algoritmi stanno diventando sempre più bravi a risolvere i problemi.

Semplificando: più ad un algoritmo vengono forniti dati, più questo sarà in grado di svolgere attività in autonomia. E’ chiaro il motivo per cui oggi ogni piattaforma digitale viene impostata per raccogliere quanti più dati possibili. I tool di machine learning sono in grado di rilevare strutture significative all’interno di enormi quantità di dati e organizzarli per prevedere abitudini, servizi e prodotti sulla base di queste informazioni.

Fin qui abbiamo parlato di Machine Learning. Quando diventa Deep Learning? Quando all’algoritmo di apprendimento si aggiunge un sistema sofisticato di reti neurali, con un funzionamento molto simile a quello di un cervello umano. L’algoritmo diventa quindi in grado di utilizzare tecniche più sofisticate per individuare i diversi pattern.

Per ora questi algoritmi vengono impiegati per automatizzare le attività, ma, con il potenziale di apprendimento che hanno, il limite è ben lontano dall’essere raggiunto.

https://bit.ly/2VTMiRr